MENU ×

E’ illegittima la modifica “ex post” delle clausole del bando di concorso.

L’amministrazione che intenda restringere la cerchia dei candidati che possono partecipare ad un concorso a posti di pubblico impiego ha l’onere di indicare già nel bando di concorso, in maniera univoca e tassativa i requisiti di ammissione, mentre le è inibito procedere all'integrazione "ex post" dei predetti requisiti. Ciò è quanto....

Nei concorsi pubblici non ogni “segno” costituisce violazione del principio dell’anonimato.

Con la sentenza n. 230/2017, il TAR Toscana, Firenze, sez. I, ha annullato la graduatoria risultante dalla prova scritta di matematica, classe di concorso A-26 (ambito disciplinare 7), stante la mancata correzione di un elaborato di un candidato, con la motivazione che lo stesso presentasse “evidenti segni identificativi”. Il criterio dell'anonimato nelle prove scritte delle....